Menu Principale

Spazio Libero

Chi è online

 34 visitatori online
Non mi sono mai arreso..... Stampa E-mail

Presso la sede de "La Meridiana" alle ore 18.00 di Mercoledì 22 dicembre 2010, si terrà un conviviale incontro pubblico per l'attribuzione annuale della benemerenza di _segreridottasocio onorario che, come di consueto, viene assegnata a cittadini che con il loro impegno e la loro opera  hanno valorizzano la nostra città e il nostro Paese.

Quest'anno la scelta si è indirizzata all'eminente giornalista e uomo politico Bruno Segre.


Dopo la cerimonia s
eguirà un brindisi augurale in vista delle festività di fine anno e una breve relazione del Presidente sulle nuove iniziative dell'associazione per il 2011. 

L'ingresso è libero, ed è aperto a tutti coloro che vogliano festeggiare con noi e con il nostro nuovo socio onorario la sua benemerenza ..... partecipare numerosi !!.

Biografia in breve.....

Nasce a Torino il 4 settembre 1918 dove frequenta l’Università dal 1937 al 1940, ultimo allievo di Luigi Einaudi, di cui il padre era stato il primo nel 1901. Si laurea in legge il 15 giugno 1940, con una tesi di laurea dedicata a Benjamin Constant. C’erano però le leggi razziali fasciste, ed a Segre, essendo figlio di un genitore ebreo, non è permesso di esercitare la professione di avvocato. In questi anni si guadagna da vivere dando lezioni private, compilando tesi di laurea e collaborando, con lo pseudonimo “Sicor”, con settimanali di novelle, con la rivista L’Idea Naturista e con L’Igiene e la Vita. Quest’ultima presto soppressa dal fascismo proprio per i suoi contenuti antirazzisti.

Nel 1942 Bruno Segre viene arrestato per disfattismo politico e trascorre alcuni mesi in carcere, mentre suo padre viene internato. Dopo il 1943 comincia un’esistenza clandestina con la propria famiglia in un paesino del Cuneese tra Busca, Caraglio e Dronero. Nel settembre del 1944, Segre tenta di sfuggire all’arresto della Guardia Nazionale Repubblicana. C’è una sparatoria e si salva grazie al portasigarette di metallo che portava nella giacca e che ferma il proiettile. Viene tuttavia catturato e rinchiuso nella caserma di via Asti e poi trasferito nelle carceri giudiziarie, da dove fortunosamente riesce ad uscire corrompendo una guardia. Entra a far parte della Resistenza armata arruolandosi nella prima Divisione Alpina “Giustizia e Libertà”a Pradleves (Val Grana) e prende parte alla liberazione di Caraglio.

Viene quindi assunto come cronista nel quotidiano liberale L'Opinione, che sostituiva al tempo La Stampa, ed era diretto da Franco Antonicelli e Giulio De Benedetti. È in questo ambiente che conosce Alcide De Gasperi, Ferruccio Parri, Gaetano Salvemini, Piero Calamandrei, Leo Valiani, Giuliano Vassalli e numerosi altri personaggi del mondo della cultura e della politica. Chiusa L’Opinione, nel 1946 è redattore del quotidiano socialdemocratico Mondo Nuovo, diretto da Corrado Bonfantini. Cessate anche le pubblicazioni di questo giornale nel 1948, riprende la pratica legale. Supera l’esame di procuratore pur continuando la collaborazione con Paese Sera, Corriere di Trieste e Corriere di Sicilia.

Nel 1949 esce il primo numero de L’Incontro un tabloid indipendente contro l’intolleranza religiosa e il razzismo. Il giornale assume l’attuale formato (su 9 colonne) e veste tipografica (la testata in rosso) con il numero di gennaio 1951.

Negli anni ’60 Bruno Segre noleggia un piccolo aereo da turismo dal quale vengono lanciati 50 mila manifestini su Torino con il questo testo: ”Il divorzio non viene dal cielo, ma dalla legge dell’on. Fortuna che alle 18 sarà al Teatro Gobetti...” Il teatro si riempie fino all’inverosimile.

Dal 1958 al 1968, è consigliere degli Ospedali Psichiatrici di Torino, Collegno, Grugliasco, poi consigliere dell’Ordine regionale Piemonte-Valle d’Aosta dei giornalisti e consigliere nazionale della Federazione Italiana della Stampa.

Dal 1975 al 1980 è capogruppo del Partito Socialista Italiano nel Consiglio Comunale di Torino mentre dal 1980 al 1990 è sindaco dell’Istituto Bancario San Paolo di Torino.

Attualmente è presidente della Federazione provinciale torinese dell’ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti) ed è Presidente della Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno” dirigendone anche la rivista trimestrale Libero Pensiero a sostegno del laicismo per la separazione tra Chiese e Stato e l’abolizione del Concordato.

Le battaglie politiche e legali

Il 31 agosto 1949 difende il primo obiettore di coscienza in Italia, Pietro Pinna, dinnanzi al Tribunale militare di Torino. Questo fu un giudizio clamoroso (testimoni Calosso e Capitini) cui seguirono centinaia di altri processi. Fino al 1972, anno in cui l’Obiezione di Coscienza non venne riconosciuta dalla legge, Bruno Segre sostenne innumerevoli casi di obiettori difendendo i giovani imputati dinnanzi ai Tribunali Militari di tutta l’Italia, e anche in conferenze, tavole rotonde, progetti di legge, articoli giornalistici e radio interviste. Importante battaglia politico-legale è stata anche quella per il divorzio, insieme all’onorevole Loris Fortuna. Condotta nelle strade, nei teatri, nei dibattiti sui giornali, con iniziative talora clamorose, come ad esempio quella organizzata assieme alla LID (Lega Italiana Divorzio) durante la quale avvenne il lancio di volantini dai palchi del Teatro Carignano durante un comizio antidivorzista presieduto dal professor Grosso.

 



 

 

Libertà di espressione!

charlie

Dona il 5xmille

Anche quest'anno è possibile indicare allo Stato di destinare il CINQUE PER MILLE dell'imposta sul reddito all'Associazione Culturale La Meridiana.
Banner
Non ti costa niente e puoi aiutarci ad organizzare iniziative e manifestazioni sempre più importanti per difendere la cultura e le tradizioni rivolesi. Basta indicare il nostro Codice Fiscale nell'apposito spazio del modello CUD, del Mod.730 o Modello Unico (Sostegno delle organizzazione non lucrative di utilità sociale).

Ciao Eluana

Per la libertà di scelta
Banner
home search