Chi è online

 737 visitatori online
Un caffè con Pirandello al Castello di Rivoli Stampa E-mail

Dal 25 giugno al 30 luglio, i soci de “La Meridiana” hanno dedicato un’ora del loro tempo, ogni domenica mattina dalle 11 alle 12, cercando di dare sostanza ad un sogno, quello della riapertura, nei locali storici, della caffetteria del Castello prospiciente l’attuale piazza Mafalda di Savoia. Passato il mese d’agosto, tradizionalmente dedicato, per chi le fa, alle vacanze, è giunta l’ora di fare il punto.

Dare gambe ad una suggestione non è peccato e neppure reato. Abbiamo dispiegato ogni volta il nostro striscione, raccolto centinaia di firme, in un clima sereno di festa. Lasciamo ad altri i toni rancorosi. Alcuni amici hanno rallegrato questi momenti con la musica, sempre fonte di gioia.

Oltre cinquecento cittadini rivolesi e non solo, ma anche francesi, tedeschi, olandesi e americani (hi, cara Molly di Tucson, Arizona!) hanno lasciato testimonianza scritta della loro adesione all’iniziativa, che ha avuto tuttavia uno scarso rilancio mediatico, al di fuori della nostra pagina face book e alla piattaforma Change. org. sulla quale abbiamo attivato una petizione .

Abbiamo registrato, scorrendo le pagine di pubblicazioni e piattaforme social, che la nostra richiesta veniva da taluni messa, sempre, in contrapposizione con le attività che in quei locali vengono svolte dal Dipartimento Educazione del Castello. E poi anche la critica: farsa, baggianata, stupidaggine, c’è ben altro cui pensare, ecc. . Tutto legittimo, sia chiaro. Evidentemente l’iniziativa ha dato e continua a dare fastidio.

Ma i favorevoli ci hanno confortato per l’onda di ricordi vicendevolmente suscitati, di quando il Castello era luogo vero di aggregazione e il bar fungeva da catalizzatore.

Le finalità statutarie della nostra associazione ci impongono sudditanza alla storia ed è quanto cerchiamo di fare in città, spesso vox clamans in deserto. Il ritorno della caffetteria che ospitò Pirandello, Tomasi di Lampedusa e tanti cittadini meno noti, di Rivoli e non, dovrebbe essere motivo di vanto per una città che ama definirsi turistica e di charme.

Non ci piace tuttavia vederci cucito, nostro malgrado, l’abito di chi è contro le attività attualmente svolte in quei locali. Essere, pavlovianamente, dipinti come l’uomo cattivo dedito all’alcol che strappa i gessetti colorati di mano ai bambini è etichetta che non meritiamo. Restiamo solo fedeli alla nostra storia, che ci sforziamo sempre di ricordare e di aiutare a ricordare alle nostre, spesso distratte, istituzioni.

p. “La Meridiana”

Il presidente

Carlo Zorzi


castello_storia

 

 

Libertà di espressione!

charlie

Dona il 5xmille

Anche quest'anno è possibile indicare allo Stato di destinare il CINQUE PER MILLE dell'imposta sul reddito all'Associazione Culturale La Meridiana.
Banner
Non ti costa niente e puoi aiutarci ad organizzare iniziative e manifestazioni sempre più importanti per difendere la cultura e le tradizioni rivolesi. Basta indicare il nostro Codice Fiscale nell'apposito spazio del modello CUD, del Mod.730 o Modello Unico (Sostegno delle organizzazione non lucrative di utilità sociale).

Ciao Eluana

Per la libertà di scelta
Banner
home search