Menu Principale

Spazio Libero

Attività collaterali

Chi è online

 64 visitatori online
La Luna Storta
Rivoli...amo la Caffetteria storica del Castello di Rivoli Stampa E-mail

Rivoli, 20 dicembre 2018

Al Presidente della Giunta

Regione Piemonte

On. Sergio Chiamparino

Al Presidente della

Città Metropolitana di Torino

dott. Chiara Appendino

Al Sindaco della

Città di Rivoli

Sig. Franco Dessì

Oggetto: Petizione per la riapertura della storica caffetteria del Castello di Rivoli. Trasmissione firme

L'Associazione Culturale la Meridiana di Rivoli (TO) desidera sensibilizzare i decisori della cosa pubblica affinché rivedano l’improvvida decisione che portò alla chiusura della Storica Caffetteria del Castello.

L’antico Castello dei Savoia, ora Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di proprietà del Comune di Rivoli, venne dato in gestione circa 30 anni fa alla Regione Piemonte per ristrutturarlo e dar vita al Museo, considerato dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

L’antico Albergo e la Caffetteria della città rivolese erano conosciuti e apprezzati già nel ‘900 durante le esposizioni Universali del 1906 e 1911, ma durante la ristrutturazione negli anni ‘80, vennero rimossi gli arredi.

Anche il racconto “La sirena” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, l’autore del “Gattopardo” ricorda i fasti gioiosi dell’Albergo del Castello di Rivoli.

Per sensibilizzare i rivolesi, i turisti, e le autorità affinché venga “riaperto l'antico bar del castello”, fiore all'occhiello della nostra città abbiamo raccolto nei mesi scorsi oltre 500 firme che alleghiamo alla presente.

Abbiamo dato vita ad un auspicio, seppur non condiviso, ad una speranza che moltissimi rivolesi conservano nel cuore, i più anziani sul filo dei ricordi, “Rivoli..amo il Caffè del Castello”

Crediamo che il piazzale  del Castello, così severo, essenziale, molto sabaudo, da qualche anno curiosamente interrotto dalla discutibile “cisterna”, necessiti di un po’ di vita attorno.  Un caffè nella pertinenza di una importante sede museale lo si trova peraltro in ogni parte del mondo.

Pensiamo anche che il ritorno di una caffetteria darebbe, forse, un minimo di senso alla Risalita Meccanizzata.

Ridiamo vita ai sogni di tanti cittadini.

Con i migliori saluti e auguri

2906web

p. Il Consiglio Direttivo

Il presidente Carlo Zorzi

 

 
XX SETTEMBRE 2018 Laicità dove sei? Stampa E-mail

Come ogni anno, i soci de "La Meridiana" si ritroveranno presso il Monumento al Bersagliere dei Giardini "La Marmora" (via Gatti) , di Rivoli per ricordare il XX SETTEMBRE 1870. L'appuntamento è dunque per giovedì 20 settembre 2018, ore 18.
L'invito a partecipare è rivolto, come sempre, a tutti i cittadini che credono ancora nel valore intangibile della laicità delle istituzioni.
Il presidente
Carlo Zorzi

20_settembre


 
Per i bambini del Bangladesh Stampa E-mail

Venerdì 13 luglio, nel salone conferenze di piazza San Rocco, è andato in scena un evento unico nella sua particolarità: un perfetto connubio tra concerto e divulgazione, svago e dimensione educativa, improvvisazione e rigore scientifico.
Un viaggio, un vagabondare tra le stelle, guidati dall’astrofisico Edoardo Striani, che da 6 anni suona uno strumento idiofono in acciaio, l’Handpan.
Il ciclo vitale delle stelle attraverso la contemplazione di filmati sorprendenti, cullati dalle vibrazioni di questo inusuale strumento artigianale.
Una serata speciale, esplorando l’Universo, così lontano e vasto nella sua magnificenza, ma al tempo stesso un viaggio nel profondo, all’interno di ognuno di noi.

La serata è stata organizzata da “La Meridiana”, che ne ha curato l’aspetto tecnico e logistico, con l’Associazione Tokai Songho, la cui anima è la nostra concittadina Carla Campanella, infaticabile nell’opera di aiuto dei bambini di strada del Bangladesh. Era presente padre Riccardo Tobanelli, missionario saveriano, che da oltre 20 anni opera in quella difficile e complessa realtà. Una moltitudine di bambini che, abbandonati a loro stessi, si trovano in condizioni disperate, in balia di ogni tipo di prevaricazioni, sfruttamento e abusi, anche da parte delle autorità. Padre Tobanelli cerca di salvarne quanti più possibile, per offrire loro quel futuro di serenità che ogni bambino dovrebbe avere. L’aiuto del Tokai Songho è pertanto fondamentale.

Il pubblico, numerosissimo, ha apprezzato la performance di Edoardo Striani e si è stretto, in modo concretamente partecipato, a Carla e a padre Riccardo, genuini campioni della solidarietà, quella vera. Al termine, tutti hanno brindato con il tè verde del Bangladesh.

Il presidente de “La Meridiana”, Carlo Zorzi, ha espresso tutta la soddisfazione dell’associazione per aver contribuito alla realizzazione dell’evento: “ Il 13 luglio 2018 è una data che conserveremo nel cuore: Carla e Riccardo sono la dimostrazione di quanto l’uomo abbia bisogno di ponti, non di muri. La magia della musica e le immagini che Edoardo ha proposto ci hanno poi letteralmente incantato”.

img-20180714-wa0019

tokai_1

img-20180714-wa0016

 
Glli operai iraniani ridotti alla fame Stampa E-mail

I lavoratori di vari settori dello zuccherificio di Haft-Tapeh, compresi quelli del settore agricolo, stanno scioperando dalla mattina di mercoledì 28 Marzo, interrompendo la lavorazione della canna da zucchero. I lavoratori hanno marciato e gridato slogan come “Siamo i lavoratori di Haft-Tapeh. Abbiamo fame!” e altri contro i datori di lavoro affiliati al governo. Hanno mostrato uno striscione che diceva che nel nuovo anno iraniano i lavoratori della Haft-Tapeh non hanno nulla da mangiare.

Protestano contro il mancato pagamento dei loro salari, delle gratifiche e dei bonus. Inoltre protestano contro la divisione dei terreni agricoli tra i vari datori di lavoro filo-governativi, che ha portato a questo saccheggio dei salari dei lavoratori e al licenziamento di 1200 di essi. Hanno chiesto la creazione di un gruppo di lavoro che si occupi dei problemi dei lavoratori. Se gli esponenti del regime e il datore di lavoro non rispetteranno le promesse fatte, i poveri lavoratori dello zuccherificio di Haft-Tapeh saranno costretti a scioperare di nuovo. Tutti i tentativi del Ministero dell'Intelligence e di altri organi repressivi, che con ogni tipo di minaccia e l'arresto dei lavoratori cercano di intimidirli per impedire il diffondersi di questo movimento di protesta, sono falliti ogni volta grazie alla resistenza dei lavoratori.
Lo stesso giorno, la povera gente del villaggio di Tapani, a Sar-Pol Zahab, le cui case sono state completamente distrutte dal terremoto, si è riunita per protestare per quasi quattro mesi di incertezza e la mancanza di un riparo per le famiglie. I manifestanti hanno portato uno striscione che diceva: “Non vogliamo niente! Vogliamo solo la terra per costruire una casa. Abbiamo bisogno di prestiti. Noi, il popolo di Tapani, non abbiamo un riparo!”.

Lunedì 26 Marzo, più di 400 agricoltori di Isfahan est hanno chiesto risposte alle loro richieste presso il ponte Khaju. Questi poveri contadini chiedono di potere accedere all'acqua e il recupero delle colture distrutte nelle città di Isfahan est.
A Rasht, nonostante le pressioni e le minacce del direttore dello stabilimento, dell'Ufficio del Lavoro e del Dipartimento di Polizia, i lavoratori della Iran Poplin Company hanno continuato la loro protesta per il secondo giorno consecutivo, contro l'espulsione di quattro rappresentanti dei lavoratori. Portavano striscioni che dicevano: “O tutti o nessuno!”. A seguito della resistenza dei lavoratori, il regime dei mullah è stato costretto a rilasciare i rappresentanti dei lavoratori arrestati.

Ad Andimeshk, i lavoratori del cementificio Omran Arya hanno organizzato una manifestazione di protesta per chiedere il pagamento di un anno di salari arretrati. Per ordine dei delinquenti che gestiscono quest'azienda, tutti i contratti sono stati ridotti da tre a un mese e salari insignificanti vengono pagati ai lavoratori ogni tre mesi.
Gli slogan contro i leader del regime e i gli organi repressivi continuano. Uno di questi dice: “Le Guardie Rivoluzionarie sono la causa della repressione, della povertà, della siccità e della corruzione in questo paese!”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana


28 Marzo 2018

workershaft-tapeh-sugarcane-compa

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 20

Libertà di espressione!

charlie

Dona il 5xmille

Anche quest'anno è possibile indicare allo Stato di destinare il CINQUE PER MILLE dell'imposta sul reddito all'Associazione Culturale La Meridiana.
Banner
Non ti costa niente e puoi aiutarci ad organizzare iniziative e manifestazioni sempre più importanti per difendere la cultura e le tradizioni rivolesi. Basta indicare il nostro Codice Fiscale nell'apposito spazio del modello CUD, del Mod.730 o Modello Unico (Sostegno delle organizzazione non lucrative di utilità sociale).

Ciao Eluana

Per la libertà di scelta
Banner
home search